L’AMORE CHE TI CAMBIA

GIANNI DECIMO L'amore che ti cambia

“Nessuna donna può definirsi libera fino a che non sceglie coscientemente se vuole oppure No  essere una madre.”

                                           Margaret Sanger

INVITO ALLA LETTURA

Gian Giacomo negli anni più fragili della fanciullezza subisce la separazione dei genitori. Da qui parte, in solitudine interiore, ma accompagnato sempre dall’amatissimo padre, il viaggio della vita verso la luce, verso l’amore. Perché non vi è dolore al mondo per cui non valga la pena vivere.

 

Primo romanzo di GIANNI DECIMO nato a Bergamo nel 1978.

 

MIA RECENSIONE

Prosegue la mia rassegna di autori bergamaschi. Questa settimana, in occasione della festa della mamma, vi segnalo questa storia amara ma di riscatto che ruota intorno alla figura di una madre. Una madre purtroppo assente, una donna mai cresciuta e dilaniata dalla sua sfera intima emotivamente fragile e immatura. Una donna che rincorre il suo gioco di bambina da viziare o di ragazza da adulare e che si lascia alle spalle tutto. Anche il figlio, che dovrà crescere con il padre, faro della sua vita, umile e modesta presenza. Un’orfanezza che sarà colmata in parte da un amore adulto, ma che rimarrà sempre presente in Gian Giacomo, protagonista di questo bellissimo romanzo autobiografico. Una ferita mai completamente rimarginata, ma che lascia comunque la capacità di comprendere e perdonare. Un figlio che si fa genitore dei suoi genitori e che li perdona e ama per quello che sono.
Gianni Decimo scrive questo primo romanzo dopo una vita piena di alti e bassi. Ha fatto gli studi classici e poi è stato autore e conduttore di programmi televisivi. Nonostante la sua giovane età ha già fatto importanti esperienze. Suo è il programma televisivo ‘Piacere mio’ ed il talk show all’americana ‘Stasera che sera’. Questo è il suo secondo libro. Ne ha già pubblicato un terzo che spero di poter presentare al pubblico quanto prima!
Quando iniziai a leggere questo meraviglioso libro, arrivata a pag 16 mi fermai e cercai il numero di Gianni per chiedergli di poterlo conoscere e di poter pubblicizzare la sua opera, tanto rimasi colpita dalla sua bravura narrativa e dalla sua capacità introspettiva. Per il suo lavoro frenetico diviso tra Bergamo e Roma non siamo mai riusciti a farlo, ma spero di riuscirci quanto prima!
Buona lettura a tutti e buona festa della mamna!

GIANNI DECIMO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La cultura è la nostra più grande ricchezza

Promozione culturale
Organizzatrice eventi

Valorizzazione territorio bergamasco e Capitale Umano bergamasco
scrivimi@paginebergamasche.it